I cookie aiutano www.ibaroque.it a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo.

Dopo quattrocento anni torna a San Giovanni dei Fiorentini il Cristo Barocco Featured

143235711-7ef56a3c-d633-4ef0-a416-402099658853Al suo rientro a Roma, il Mochi eseguì una delle quattro grandi sculture per i pilastri che reggono la cupola michelangiolesca, la Santa Veronica, sollevando il malcontento degli accademici, rappresentandola in atto di moto. Alcuni anni dopo lo stesso Mochi sembrava procedere ad una revisione dei termini del proprio stile, che, se da un lato portava a sfrondare la scultura di tutte le accidentalità pittoriche, dall'altro accentuava il dinamismo e le ombre drammatiche. Dopo la Veronica (1635-40), gli furono affidate altre importanti commissioni (Battesimo di Cristo, 1634-44, per S. Giovanni dei Fiorentini; S. Pietro e S. Paolo, 1638-52, per S. Paolo fuori le mura) che però, non inserendosi nel nuovo gusto barocco che nel frattempo si era sviluppato, gli vennero rifiutate. Finalmente dopo 400 anni il Battesimo di Cristo è stato ricollocato nel luogo per cui era stato scolpito: la Basilica di San Giovanni Battista dei Fiorentini.

Il Cristo, "costretto" a girovagare da Palazzo Falconieri a via Giulia a Ponte Milvio, era stato accolto, dopo un restauro negli anni '80 del Novecento, nell'atrio di Palazzo Braschi. Ora le sculture di Mochi - dopo il Battesimo anche le statue di San Pietro e Paolo realizzate per la chiesa di San Paolo fuori le mura - verranno ricollocate negli spazi per cui erano state concepite, liberando nello stesso tempo l'atrio di Palazzo Braschi, che verrà valorizzato con l'esposizione di opere adesso non visibili. Un camion ha trasportato nella tarda serata del 3 febbraio il Battesimo, che ha fatto il suo percorso all'indietro per tornare a San Giovanni dei Fiorentini accolto al suo arrivo da musicisti.

Login to post comments

iBaroque

Musica Antica a Roma

Contatti

Social media

Ufficio Stampa

Weblinks

Copyright 2014-2015 iBaroque. Tutti i diritti riservati