I cookie aiutano www.ibaroque.it a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo.

Il Magistrato de La Viéville Prende Posizione

  • Published in Musica

Jean-Laurent Le Cerf de La Viéville (1674-1707)

ean-laurent-le-cerf-de-la-vieville

Musicografo e magistrato, Jean-Laurent Le Cerf de La Viéville, non apprezzò le considerazioni di François Raguenet sulla supremazia della musica italiana su quella transalpina. Le sue repliche furono affidate alle pagine della "Réfutation du Parallèle des Italiens et des Français, publié en 1702 par l'abbé Raguenet", un pamphlet in forma di dialogo di cui pubblichiamo alccuni estratti.

Parliamo dunque dell’italiano. Ammettiamolo pure [...] l’italiano cinguetta d’amore in modo aggraziato: questa lingua ha parole tenere e carezzevoli che lo esprimono a meraviglia: ecco l’amore che nasce, l’amore pieno di speranza, l’amore felice, o per lo meno l’amore che prova soltanto tormenti piacevoli. Fin qui va benissimo. Ma le dame, soprattutto le eroine d’opera sono sempre buone? Quando a loro piace lasciare i loro amanti, sulla scena, in balia della stizza, dell’invidia, della collera, o più ancora della disperazione, della rabbia e del furore, come fare con l’italiano, se tale lingua non offre termini in grado di esprimere queste violente passioni? E anche molto imbarazzante, quando bisogna usare parole di tono semplice e dignitoso, e quando si tratta di magia e di sortilegi, trovare il modo in cui il musicista unisce a parole dolci e lusinghiere toni forti che provocano sgomento e paura negli ascoltatori. È vero comunque, col permesso del signor Abate, che la lingua italiana ha l’inconveniente di questa dolcezza frivola ed eccessiva, di questa ingenuità effeminata [che] le tolgono dignità, vivacità ed eleganza, espressioni energiche.
[...]
Siamo gente che si nutre di tutto ciò che la natura offre di più delizioso e squisito, che mangia anche spugnole e tartufi, ma non ama troppo i liquori, le salse e le spezie. Mentre gli italiani sono gente da pasticceria, da intingoli e manicaretti color dell’ambra, e non mangiano altro.[...] Credo che la nostra musica verrà apprezzata per più tempo della loro.

Comparaison de la musique italienne et de la musique française, 1704

More in this category: « L'Abate fa il Tifo per l'Italia
Login to post comments

iBaroque

Musica Antica a Roma

Contatti

Social media

Ufficio Stampa

Weblinks

Copyright 2014-2015 iBaroque. Tutti i diritti riservati